HOME      CHI SONO  

  

sito ufficiale di

Riccardo Bellandi

autore 

Descrizione immagine
Descrizione immagine

Riccardo Bellandi

Lo spettro greco. Una spy story della Guerra fredda al Confine orientale italiano.

Youcanprint, 2015

pagine: 288

VERSIONE CARTACEA - ISBN: 978-88-93069-17-5; prezzo:  15,00 €

VERSIONE DIGITALE - ISBN: 978-88-91149-13-8; prezzo: 2,00 €

 


la storia dietro il romanzo

Descrizione immagine

L'occupazione militare della Venezia Giulia

(1945-1947)


I primi giorni del maggio 1945 l'Armata jugoslava occupò la Venezia Giulia italiana (ovvero l'Istria e la valle dell'Isonzo, comprese le città di Fiume, Trieste, Gorizia e Monfalcone). Negli stessi giorni giunsero anche le truppe alleate che, sulla base degli accordi con Tito e in attesa dei negoziati di pace, avrebbero dovuto occupare tutta la zona che rientrava nei confini italiani precedenti la guerra. Per tutto il mese di maggio ci fu un duro braccio di ferro tra gli jugoslavi, intenzionati a rimanere sui territori conquistati con la forza delle armi e rivendicati come appartenenti alla Jugoslavia, e gli angloamericani, irritati dal colpo di mano di Tito e intenzionati a ottenere il ritiro jugoslavo siano ai confini italiani prebellici. A seguito della minaccia angloamericana di usare la forza e delle pressioni dell'Unione Sovietica (che riteneva il teatro Nord Adriatico secondario rispetto ai suoi interessi), Tito fu costretto a cedere. Venne così concordata una soluzione di compromesso, in attesa dei trattati di pace. La regione italiana della Venezia Giulia fu suddivisa in due distinte zone di occupazione militare delimitate dalla "linea Morgan" (dal generale inglese che la propose): la "ZONA A", sotto controllo militare angloamericano, comprendente Pola, Trieste, Gorizia, Monfalcone e Caporetto; la "ZONA B", sotto contro militare  jugoslavo, comprendente l'Istria, Fiume Postumia e Aidussina). La Linea Morgan, con le distinte zone di occupazione, fu istituita il 10 giugno 1945 e rimanse operativa sino al settembre 1947, entrata in vigore dei nuovi confini di stato stabiliti dal Trattato di Pace. altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine

I Blue Devils sulla Linea Morgan

(1945-1947)


L'88° Infantry Division dell'US Army, conosciuta come "Blue Devils", sotto il comando del maggiore generale Bryant Moore, venne incaricata dal Comando supremo alleato di presiedere la parte settentrionale della Linea Morgan, da Gorizia a Tarvisio, sino all'entrata in vigore dei Trattati di pace (settembre 1947). altro

Descrizione immagine

L'internamento di militari e di civili italiani nei lager jugoslavi dopo la fine della guerra


Dopo la fine della guerra mondiale migliaia di italiani (militari del Regione Esercito internati nei lager tedeschi di ritorno in Italia, soldati della RSI o di altre formazioni collaborazioniste, partigiani o semplici civili della Venezia Giulia contrari al regime di Tito) furono deportati in Jugoslavia e internati in campi di concentramento e di lavoro. Per le dure condizioni di detenzione molti non tornarono. Nelle foto: (a fianco) il lager di Borovnica in Slovenia; (sotto) deportazione di militari e civili italini da Trieste e Gorizia nel maggio del '45. altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

La guerra civile greca 

(1946-1949)

 

Dopo il ritiro della Germania e l'occupazione da parte degli Alletai (1944), la Grecia fu teatro per ben cinque anni di una terribile guerra civile tra i partigiani comunisti (sostenuti dalla Jugoslavia di Tito) e i partiti conservatori (appoggiati dagli inglesi). La guerra civile greca, oggi caduta nel dimenticatoio, fu la prima cruenta manifestazione della Guerra Fradda e, come tale, condizionò pesantemente le scelte dei protagonisti dell'epoca. Gli stessi politici italiani, Togliatti in primis, erano consapevoli che dopo la liberazione dai tedeschi l'Italia correva il concreto rischio di seguire l'esempio del vicino ellenico. altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

La distruzione di Zara

(1943-1944)


Zara, città della Dalmazia abitata da dalmati di lingua italiana e assegnata all'Italia dopo la Prima guerra mondiale, tra il 1943 e il 1944 fu rasa al suolo da ripetuti bombardamenti delle fortezze volanti alleate. La popolazione italiana sopravvissuta ai bombardamenti fu costretta a rifugiarsi in Italia e non poté più far ritorno nella propria casa, poiché Zara con il Trattato di pace del 1947 fu annessa alla Repubblica jugoslava. Nel romanzo si fa riferimento al bombardamento di domenica 28 novembre 1943, compiuto da due ondate di dodici B-25 Mitchell che sganciarono complessivamente 35 tonnellate di bombe su una superficie di poco più di un chilometro quadrato: l'abitato di Zara, il porto e i rioni di Barcagno e Ceraria. Le distruzioni furono devastanti, i morti circa 150, oltre 200 i feriti. altro

Descrizione immagine




Il Fronte Balcanico

(1941-1945)


Descrizione immagine
Descrizione immagine

INVASIONE E SPARTIZIONE

DELLA JUGOSLAVIA

(aprile 1941)

altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine

LO STATO INDIPENDENTE

DI CROAZIA,

altro

E GLI USTASCIA

altro



Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

 I CETNICI

altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine

I PARTIGIANI COMUNISTI 

altro

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

IL REGIO ESERCITO

IN JUGOSLAVIA,

LA REPRESSIONE DEI RIBELLI,

I CAMPI DI CONCENTRAMENTO

altro

bibliografia

L'Italia nel contesto internazionale del dopoguerra (1945/48):

vicende e protagonisti

 

  • AA. VV., "1947. L'anno della svolta", in Ventunesimo Secolo, Anno VI, Febbraio 2007.
  • E. Aga Rossi e V. Zaslavsky, Togliatti e Stalin. Il Pci e la politica estera staliniana negli archivi di Mosca, Bologna, 1997.
  • P. Auty, Tito. Biografia, Milano, 1970.
  • A. Brogi, L'Italia e l'egemonia americana nel Mediterraneo, Firenze, 1996.
  • P. Buchignani, Fascisti rossi. Da Salò al PCI, la storia sconosciuta di una migrazione politica. 1943-1953, Milano, 1998.
  • P. Cacace, Vent'anni di politica estera italiana (1943-1963), Roma, 1986.
  • M.R. Catti De Gasperi, De Gasperi uomo solo, Milnao, 1964.
  • M.J. Cereghino e G. Fasanella, Il golpe inglese. Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell'Italia, Milano, 2011.
  • P. Craveri, De Gasperi, Bologna, 2006.
  • G. De Lutis, I servizi segreti in Italia. Dal fascismo all'intelligence del XXI secolo, Milano, 2010.
  • V. Dedijer, Il braccio di ferro. Il conflitto sovietico-jugoslavo (1948-1953), Firenze, 1969.
  • E. Di Nolfo, Storia della relazioni internazionali. Dal 1918 ai giorni nostri, Roma-Bari, 2008.
  • M. Dondi, La lunga liberazione. Giustizia e violenza nel dopoguerra italiano, Roma, 2004.
  • G. Donno, La gladio rossa del Pci (1945-1947), Catanzaro, 2001.
  • R. Faenza e M. Fini, Gli Americani in Italia, Milano, 1976.
  • A. Fiorani e A. Lega, 1948: tutti armati. Cattolici e comunisti pronti allo scontro, Milano, 1998.
  • F. Focardi, Criminali di guerra in libertà. Un accordo segreto tra Italia e Germania federale, 1949-1955, Roma, 2008.
  • M. Forno, 1945: l'Italia tra fascismo e democrazia, Roma, 2008.
  • M. Franzinelli, L'amnistia Togliatti. 22 giugno 1946. Colpo di spugna suicrimini fascisti, Milano, 2007.
  • J.L. Gaddis, La guerra fredda. Cinquat'anni di paura e speranza, Milano, 2008.
  • S. Galante, L'autonomia impossibile. Il Pci del dopoguerra tra politica estera e politica interna, Firenze, 1991.
  • M. Galeazzi, Roma-Belgrado. Gli anni della Guerra Fredda, Ravenna, 1995.
  • M. Galeazzi, Togliatti e Tito. Tra identità nazionale e internazionalismo, Roma, 2005.
  • A. Gambino, Storia del dopoguerra. Dalla liberazione al potere DC, Roma-Bari, 1975.
  • M. Gilas, Se la memoria non mi inganna... Ricordi di un uomo scomodo 1943-1962, Bologna, 1987.
  • R. Gualtieri, Togliatti e la politica estera italiana. Dalla resistenza al Trattato di pace. 1943-1947, Roma, 1995.
  • N. Kogan, L'Italia del dopoguerra. Storia politica dal 1945 al 1966, Roma-Bari, 1975.
  • J. Harper, La guerre fredda. Storia di un mondo in bilico, Bologna, 2011.
  • M. Holzman, James Jesus Angleton. The Cia, and the craft of counterintelligence, University of Massachusetts, 2008.
  • M. Innocenti, L'Italia del 1945. Come eravamo nell'anno in cui scoppiò la pace, Milano, 1994.
  • S. Limiti, L'anello della Repubblica. La scoperta di un nuovo servizio segreto. Dal fascismo alle brigate rosse, Milano, 2009.
  • G. Limiti, Il presidente professore: Luigi Einaudi al Quirinale, Milano-Trento, 2001.
  • K. Lowe, Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della Seconda guerra mondiale, Roma-Bari, 2013.
  • S. Lorenzini, L'Italia e il trattato di pace del 1947, Bologna, 2007.
  • M. Maffai, L'uomo che sognava la lotta armata. La storia di Pietro Secchia, Milano, 1984.
  • P. Mastrolilli e M. Molinari, L'Italia vista dalla Cia. 1948-2004,  Roma-Bari, 2005.
  • S. Morgan, Rappresaglie dopo la resistenza. L'eccidio di Schio tra guerra civile e guerra fredda, Milano, 2002.
  • U. Munzi, Il generale. La storia misteriosa di Mario Roatta, Vicenza, 2009.
  • L. Nuti, "U.S. Forces in Italy, 1945-1963", in S.W. Duke and W. Krieger, U.S. Military Forces in Europe. The early Years, 1945-1970, Boulder-San Francisco-Oxford.
  • L. Nuti, L'esercito italiano nel secondo dopo guerra 1945-1950, Roma, 1995.
  • P. Palma, Randolfo Pacciardi. Profilo politico dell'ultimo mazziniano, Consenza, 2012.
  • J. Pirjevec, Il gran rifiuto. Guerra fredda e calda tra Tito, Stalin e l'Occidente, Trieste, 1990.
  • G. Pisanò e P. Pisanò, Il tringolo della morte. La politica della strage in Emilia durante e dopo la guerra civile, Milano, 1992.
  • J. Ridley, Tito. Genio e fallimento di un dittatore, Milano, 1996.
  • S. Romano, Guida alla politica estera italiana. Dal crollo del fascismo al crollo del comunismo, Milano, 1993.
  • S. Salvatici, Senza casa e senza paese. Profughi europei nel secondo dopoguerra, Bologna, 2008.
  • S. Sechi, Compagno cittadino. Il Pci tra via parlamentare e lotta armata, Cosenza, 2006.
  • L. Sebesta, L'Europa indifesa. Sistema di sicurezza atlantico e caso italiano 1948-1955, Firenze, 1991.
  • S. Terra, Tre anni con Tito, Trieste, 2014.
  • R. Turri, Gladio rossa. Una catena  di complotti e delitti, dal dopoguerra al caso Moro, Venezia, 2004.
  • G. Valdevit, Gli Stati Uniti e il Mediterraneo. Da Truman a Regan, Milano, 1992.
  • A. Varsori, L'Italia nelle relazioni internazionali dal 1943 al 1992, Roma-Bari, 1998.
  • H. Woller, I conti con il fascismo. L'epurazione in Italia 1943-1948, Bologna, 1997.
  • V. Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana. Dal mito dell'Urss alla fine del comunismo 1991, Milano, 2004.
  • M. Zuccari, Il dito sulla piaga. Toglietti e il Pci nella rottura fra Stalin e Tito. 1944-1957, Milano, 2008.


 

La Venezia Giulia tra Italia e Jugoslavia:

la questione del confine orientale nel dopoguerra

 

  • AA.VV., Trieste 1941-1947, Trieste, 1991.
  • AA.VV., Dall'impero austro-ungarico alle foibe. Conflitti nell'area alto-adriatica, Torino, 2009.
  • A. Ara e C. Magris, Trieste. Un'dentità di frontiera, Torino, 2007.
  • G.C. Bertuzzi, Friuli 1946. Il primo anno di pace. Alla riscoperta del voto, Gorizia, 1999.
  • C. Bogdan e C. Novak, Trieste 1941-1954. Lotta politica, etnica e ideologica, Milano, 1970.
  • M. Bucarelli e L. Monzali, Italia e Slovenia fra passato presente e futuro, Roma, 2009.
  • M. Cattaruzza, L'Italia e il confine orientale, Bologna, 2007.
  • G. Cox, La corsa per Trieste, Gorizia, 2005.
  • G. Dato, Vergarolla 18 agosto 1946. Gli enigmi di una strage tra conflitto mondiale e guerra fredda, Gorizia, 2014.
  • D. De Castro, La questione di Trieste. L'azione politica e diplomatica italiana dal 1943 al 1954, Trieste, 1981.
  • J.P. Delaney, Blue Devils in Italy. A history of the 88th infantry division in world war II, Washington, 2005.
  • F.M. Dolinar e L. Tavano, Chiesa e società nel Goriziano fra guerra e movimenti di liberazione, Gorizia, 1997.
  • J. Earle, Il prezzo del patriottismo. SOE e MI6 al confine italo sloveno durante la Seconda guerra mondiale, Trieste, 2008.
  • L. Fabi, Storia di Gorizia, Padova, 1991.
  • T. Francesconi, Gorizia 1940-1947, Milano, 1990.
  • A. Romoli, L'ultimo testimone. Storia dell'agente segretoSergio Cionci e degli istriani nella Guerra fredda, Udine, 2014.
  • A. Gallarotti, Gorizia contesa. Fotografie dello Studio Altran 1944-1954, Gorizia, 2011.
  • P. Karlsen, Frontiera rossa. Il Pci, il confine orientale e il contesto internazionale 1941-1955, Gorizia, 2010.
  • A. Millo, La difficile intesa. Roma e Trieste nella questione giuliana 1945-1954, Trieste, 2011.
  • S. Pacori, I giorni di Gargaro. Ricordi di guerra, memorie di pace, Gorizia, 2014.
  • A. Petacco, L'esodo. La tragedia negata degli italiani d'Istria, Dalmazia e Venezia Giulia, Milano, 1999.
  • J. Pirjevec, Foibe, Torino, 2012.
  • R. Pupo, La rifondazione della politica estera italiana: la questione giuliana (1944-46). Linee intepretative, Verona, 1979.
  • R. Pupo, Fra Italia e Jugoslavia. Saggi sulla questione di Trieste (1945-1954), Udine, 1989.
  • R. Pupo, Il lungo esodo. Istria: la persecuzione, le foibe l'esilio, Milano, 2005.
  • R. Pupo, Trieste '45, Roma-Bari, 2010.
  • R. Pupo e R. Spazzali, Foibe, Milano, 2003.
  • R. Spazzali, Epurazione di frontiera. 1945-48. Le ambigue sanzioni contro il fascismo nella Venezia Giulia, Gorizia, 2000.
  • R. Spazzali, L'Italia chiamò. Resistenza politica e militare italiana a Trieste. 1943-1947, Gorizia, 2003.
  • R. Spazzali, Radio Venezia Giulia. Informazione, propaganda e intelligence nella "guerra fredda" adriatica (1945-1954), Gorizia, 2013.
  • P.E. Taviani, I giorni di Trieste. Diario 1955-1954, Bologna, 1998.
  • N. Troha, Chi avrà Trieste? Sloveni e italiani trai due Stati, Trieste, 2009.
  • S. Vock, Esuli a Trieste. Bonifica nazionale e rafforzamento dell'italianità sul confine orientale, Udine, 2004.
  • M.K. Wohinz e J. Pirjevec, Storia degli sloveni in Italia. 1866-1998, Venezia, 1998.
  • R. Worsdorfer, Il confine orientale. Italia e Jugoslavia dal 1915 al 1955, Bologna, 2009.

 

Il fronte balcanico (1941-1945):

l'aggressione e l'occupazione militare dell'Asse,

la resistenza nazionalista e comunista,

la guerra civile etnico-religiosa

 

  • AA.VV, La Slovenia durante la seconda guerra mondiale, Udine, 2012;
  • E. AGA ROSSI, M.T.GIUSTI, Una guerra a parte. I militari italiani nei Balcani 1940-1945, Bologna, 2011;
  • G. ANGELINI, Fuochi di bivacco in Croazia, Roma, 1946;
  • V. AZZI, Un volontario con le truppe di occupazione. Balcania 1942-1943, Milano, 1998.
  • G. BAMBARA, La guerra di liberazione in Jugoslavia (1941-1943), Milano, 1988.
  • M. BASSI, Due anni fra le bande di Tito, Bologna, 1950;
  • G. BEDESCHI (a cura di), Fronte jugoslavo-balcanico: c'ero anch'io, Milano, 1985;
  • L. BORGOMANERI, Crimini di guerra. Il mito del bravo italiano tra repressione del ribellismo e guerra ai civili nei territori occupati, Milano, 2006.
  • L. BERTUCCELLI e M. ORLIC, Una storia balcanica. Fascismo, comunismo e nazionalismo della Jugoslavia del novecento, Verona, 2008.
  • H.J. BRURWYN, L'impero sull'Adriatico. Mussolini e la conquista della Jugoslavia 1941-1943, Gorizia, 2006;
  • F. CACCAMO, L. MONZALI, L'occupazione italiana della Jugoslavia (1943-1941), Firenze, 2009;
  • E. COLLOTTI e T. SALA, Le potenze dell'Asse e la Jugoslavia. Saggi e documenti 1941/1943, Milano, 1974.
  • P. CONTI, "L'occupazione italiana dei Balcani. Crimini di guerrae mito della "brava gente" (1940-1943), Milano, 2008.
  • P. CROCIANI, P.P. BATTISTELLI, Reparti di élite e forze speciali dell'Esericito italiano, 1940-1943, Gorizia, 2011;
  • J. CORSELLIS e M. FERRAR, Slovenia 1945. Ricordi di morte e di sopravvivenza dopo la Seconda guerra mondiale, Gorizia, 2008.
  • M. CUZZI, L'occupazione italiana della Slovenia (1941-1943), Roma, 1998;
  • M. DASSOVICH, Fronte jugoslavo (II volumi: 1941-'42; 1943), Udine, 1999;
  • M. DJILAS, La guerra rivoluzionaria jugoslava. Ricordi e riflessioni, Gorizia, 2011;
  • S. FABEI, I cetnici nella Seconda guerra mondiale, Gorizia, 2006.
  • F. FATUTTA, P. VACCA, La guerra dimenticata della Brigata Sassari. La campagna di Jugoslavia 1941-1943, Sassari, 2001;
  • A. FINESTRA, Dal Fronte jugoslavo alla Val D'Ossol. Cronache che guerra e di guerra civile, Milano, Mursia, 1995;
  • T. FRANCESCONI, Le bande V.A.C. in Dalmazia 1942/43, Milano, Editrice militare italiana, 1992;
  • E. GOBETTI, L'occupazione allegra. Gli italiani in Jugoslavia (1941-1943), Roma, Carocci, 2007;
  • D. GREENTREE, Caccia a Tito. Operazione Rosselsprung, maggio 1944, Gorizia, LEG, 2012;
  • A.O. GUERRAZZI, L'esercito italiano in Slovenia 1941-1943. Strategie e repressione antipartigiana, Roma, Viella, 2011;
  • P. NESTI, I villaggi bruciano, Giannini Editore, Firenze-Roma, 1946;
  • R. PREMRL, Un eroe in famiglia, Mio fratello Janko Vojko, Venezia, 2013.
  • D. RODOGNO, Il nuovo ordine mediterraneo. Le politiche di occupazione dell'Italia fascista in Europa (1940-1943), Torino, 2003.
  • M. ROSSI, Soldati dell'Armata Rossa al Confine orientale 1941-1945, Gorizia, LEG, 2014;
  • G. SCOTTI, I "disertori". Le scelte dei militari italiani sul fronte jugoslavo prima dell'8 settembre, Milano, 1980.
  • G. SCOTTI, "Bono iatliano". Militari italiani in Jugoslavia dal 1941 al 1943: da occupatori a "disertori", Roma, 2012.
  • G. SCOTTI, L. VIAZZI, Occupazione e guerra italiana in Montenegro. Le aquile delle montagne nere (1941-43), Milano, Mursia, 1987;
  • O. TALPO, Dalmazia. Una storia per la cronaca (III volumi: 1941, 1942, 1943-1944), Roma, Uff. Storico Stato Maggiore dell'Esercito, 1990-94;
  • G. TRUCCO, Nell'ombra di Tito, Milano, 1954

La distruzione di Zara

(1943-1944)


  • G. BAMBARA, A (TONCI) CEPICH, Zara. Una città tra storia e leggenda, Brescia, 2009.
  • A. CATTALINI, I bianchi binari del cielo. Zara 1943-1944, Gorizia, 1965.
  • T. FRANCESCONI, Le bande V.A.C. in Dalmazia 1942/43, Milano, 1992.
  • F. GAMBARO, La città della memoria. Storie di vita di esuli da Zara nel secondo dopoguerra, Treviso, 2010.
  • N. LUXARDO DE FRANCHI, Dietro gli scogli di Zara, Gorizia, 1992.
  • L. MONZALI, Gli italiani di Dalmazia e le relazioni italo-jugoslave nel Novecento, Venezia, 2015.
  • W. ROSSANI, Zara brucia. E altre memorie di guerra e di vita, Bologna, 2001.
  • O. TALPO, Dalmazia. Una cronaca per la storia (1943-1944), Roma, 1994.
  • O. TALPO, S. BRICIC,Vennero dal cielo. 185 fotografie di Zara distrutta 1943-1944, Campobasso, 2000.