Riccardo Bellandi 

ENRICO MATTEI DEVE MORIRE

Lecce, 2019

pagine: 386

copertina di Andrea Castellani  

VERSIONE CARTACEA

caratteristiche: br, 13x20 

ISBN: 978-8831629-73-7 / prezzo: 17,00 €

VERSIONE DIGITALE

ISBN: 978-88-31634-32-8 / prezzo: 1,99 €



Recensioni e commenti


Andrea Peruta, Facebook, 27 agosto 2019

"Molto avvincente, complimenti... l’ho divorato in due giorni."


Andrea Peruta, Amazon, 29 agosto 2019

"Entusiasmante. Nuova spy-story con protagonista Aldo Ganz, già in Lo spetto greco, che torna con una nuova avventura ambientata, questa volta, nell'Italia del miracolo economico e che vede la presenza di uno dei fautori del boom economico, come si intuisce dal titolo. Romanzo avvincente, ricco di colpi di scena, assolutamente da leggere, anzi da divorare. "

[voto: 5/5]


Mauro Manzin, Facebook, 15 settembre 2019

"Bellissimo libro!"


Rossella Rampazzo, Amazon, 22 settembre 2019

"Molto piacevole e coinvolgente, ben calato nella realtà storico politica degli anni di cui narra. Aldo Ganz cosi come nello 'Spettro Greco' si rivela ancora un personaggio affascinante!"

[voto: 5/5]


Franc56, Amazon, 23 settembre 2019

"Avvincente. Si tratta del secondo capitolo delle vicende del protagonista, la storia è avvincente e ben inserita nel momento storico cui si svolge."

[voto: 5/5]


Daniele Cambiasso, Amazon, 30 settembre 2019

"Mistero italiani e spy di qualità. Torna Aldo Ganz e indaga nientemeno che sui misteri che circondano Mattei. Romanzo avvincente, ben scritto e ottimamente documentato, con eccellenti scene d'azione e scenari storici perfettamente ricostruiti. Questo è un personaggio che ha ancora tanto da raccontarci... Consigliatissimo."

[voto: 5/5]


(Giovanni) Gianni Marizza, Facebook, 2 ottobre 2019

"Gran bel libro che ho appena finito di leggere. È l’ultimo nato di Riccardo Bellandi, autore di altri interessanti romanzi storici come “I signori dell’Appennino” e “Lo spettro greco”.
Coinvolgente e appassionante, è ambientato nella primavera del 1962, epoca di massima espansione per l’ENI di Enrico Mattei, che qualcuno vuole morto dato che la penetrazione dell’ENI in Nordafrica conviene molto all’Italia ma è contraria agli interessi economici di… qualcun altro.
Vari servizi segreti, associazioni terroristiche e partiti politici sono coinvolti nel complotto: quelli italiani (SIFAR), statunitensi (CIA), sovietici (KGB), francesi (SDECE), la DC e il PCI, l’OAS che si oppone all’indipendenza algerina…
La storia, molto ben documentata, si sviluppa fra imprevisti e colpi di scena mozzafiato, fino all’epilogo che lascio alla vostra lettura."


Flavio Babini, Facebook, 6 ottobre 2019

"In questi giorni ho iniziato a leggere il romanzo su Enrico Mattei dell'amico Riccardo Bellandi. È proprio bello, lo consiglio a tutti."


Riccardo, Amazon, 12 ottobre 2019
"Ancora una bella prova di questo scrittore.

La storia recente, romanzata, ma ben scritta!!!!"
[voto: 4/5]

Bambi, Amazon, 14 ottobre 2019
"Thriller storico tra fantasia e realtà.
Ci sono momenti e fatti della nostra storia, il caso Mattei, la scmparsa di Ettore Majorana tanto per citarne alcuni, che sono tuttora avvolti nel mistero. A mio avviso è geniale l'idea di cercare di costruire attorno a questi personaggi amati odiati invidiati lo scenario che rende attuale la storia altrimenti sconosciuta. Possiamo considerarlo romanzo storico, così come è stato per l'opera precedente di Riccardo Bellandi "Lo spettro greco". Perchè attraverso una incredibile attività di ricerca e ricostruzione storica ha reso non soltanto veritiera una storia immaginaria, ma tracciato un ritratto preciso della società di quegli anni, ovviamente sconosciuta alle nuove generazioni."

[voto: 5/5]


Alessandro C., messaggio privato, 17 novembre 2019

"Buonasera Riccardo, ti volevo fare i complimenti per la tua Opera "Mattei deve morire" .
Ti devo dire che mi è piaciuto molto specialmente nella parte finale dove Ganz è arrivato in Sicilia, da lì fino alla fine tutto d'un fiato.
Mi sembrava di leggere per certi tratti Andy Mcnab (autore che mi piace moltissimo), o addirittura il maestro Camilleri. Sicuramente sono troppo ignorante per fare delle critiche costruttive e non, perciò, spero che ti accontenterai dei miei umili o inutili complimenti.
Quanto studio, c'è stato dietro questo lavoro?
L'ambiente degli anni 60', come vestivano i personaggi, le armi che usavano o che macchine guidassero.
Il lido "La conchiglia" di Gela è esistito veramente?
Ganz?! Mi piace.
Potresti farci vivere altre avventure con lui, ci avevi pensato? Un po'come Mcnab ha fatto con Nick Stone, ex SAS che lavora per l' Mi6.
Beh, qualunque cosa farai sarà la cosa giusta.
A presto."


Pasquale Merlo MerloFacebook, 11 dicembre 2019

"Letto bellissimo....il colmo che ancora ci sono indagini)))))
Pagliacci."


Andrea Cambi, Amazon, 6 marzo 2020

"Il libro è davvero avvincente. Da quando ho iniziato a leggerlo non sono più riuscito a staccarmi. Ho apprezzato molto l’intreccio, la precisa ricostruzione storica, la descrizione dell’Italia di quegli anni che ti fa davvero rivivere scorci di anni ‘60. L’attenzione ai particolari rende il romanzo realista e cinematografico: la descrizione dei combattimenti o le particolarità tecniche dei manufatti. Ne consiglio vivamente la lettura."

[voto 5/5]


Paolo Revello, Facebook, 11 marzo 2020

"Appena finito di leggere. Bello. E,soprattutto,molto curato nella descrizione dell' Italia dell'inizio degli anni '60,veramente puntuale e dettagliata. Poi,essendo un romanzo storico,è ben bilanciato anche nella costruzione della trama tra personaggi e fatti reali e quelli romanzati(geniali le veline della visita di Kosigyn). Giustamente orientato verso il vero killer di Mattei (...spoiler...). Consigliatissimo e molto cinematografico."


Prevello61, www.lafeltrinelli.it, il 17 marzo 2020
"Incisiva ed elegante lettura.

Appena finito di leggere. Bello. Molto accurata la descrizione dell'Italia all'inizio degli anni '60 con dovizia di particolari e sapienti ricostruzioni d'ambiente. Poi, essendo un romanzo storico, è molto ben equilibrata la commistione tra personaggi e fatti reali e parti romanzate (geniale la riproposizione delle veline della visita a Mattei e all'Eni da parte di Kosigyn). Un' opera godibilissima e molto cinematografica, con un protagonista (Aldo Ganz) che dovrebbe far riparlare di se'."

[voto: 5/5]


Gianluca Vallorani, Facebook, 27 marzo 2020

"Preso per curiosità per un corregionale famoso mai conosciuto abbastanza (Mattei). Si legge molto agilmente e ti "tira" a finirlo. Sono rimasto molto soddisfatto, complimenti all'autore".


Giovanni Cecini, YouTube, 7 luglio 2020


Ignis77, Amazon, 12 luglio 2020